Non resta nulla della Forex?

Non resta nulla della Forex? Non è servita a nulla la protesta? Una storia completamente senza significato? All’apparenza sì, all’apparenza Occupy la Forex è stato sconfitto e non c’è altro da dichiarare. La Forex è una delle tante aziende che fallisce nel corso di un 2012 funesto. Non se ne parli più. I membri di Occupy avranno ben poco da raccontare ai nipoti, a parte un’estate passata a giocare a carte sotto un tetto di lamiera rovente. Nessuna rivolta? Nessuna ribellione? Gli operai, gli impiegati del terzo millennio perdono senza far rumore, si piegano alla sorte senza troppo strepito. Partono già delusi, disincantati da un lato e ingannati dall’altro, corrotti sin dall’inizio dalla promessa della cassa integrazione straordinaria in deroga. E poi ce n’è così tanti di precari, disoccupati, in nero, cosa si può fare per questi ultimi arrivati? leggi tutto

Annunci

Da dieci giorni

Da dieci giorni la produzione è praticamente ferma e gli operai che non partecipano alla protesta restano a casa tre giorni su cinque in regime di cassa integrazione. Degli uffici, non si vede più Sella il disegnatore, il primo ad aver trovato di meglio, la timida Camilla, tornata a vivere con i genitori per minimizzare le spese ed è sparito anche Martini, ormai detto da tutti il civetta, dopo che un articolo del Gazzettino Mantovano l’ha sbugiardato descrivendolo fisicamente. Martini è ancora un dipendente solo perché nessuno, nella confusione vigente, ha pensato di mandargli una lettera di licenziamento, ma è chiaro che se Alcide se lo trova fra i piedi lo ammazza… leggi tutto