Trichy, 13.01.2015 – ulteriore continuazione

Trichy famigliolaFuori ci attende la folla che ci guarda incuriosita ed una cupola dorata gigantesca, meravigliosa. Sicuramente, siamo fra i pochi occidentali che hanno avuto l’occasione di vederla. Ci facciamo fare una foto con il paramento di fiori, a imperitura memoria, ma ancora pensiamo dove andare a trovare un posto all’ombra per mangiarci i nostri crackers e le nostre bananine, pranzo della giornata. Prima di uscire dal tempio, comunque, veniamo benedetti da un altro santone, poi siamo finalmente fuori sotto gli occhi della folla, stupita di vederci con quelle corone di fiori che di solito ornano le statue di Shiva e di una delle sue mogli Samayapuram. Continua a leggere

Trichy, 13.01.2015 – continuazione

MatrimonioSamayapuram è il capolinea, a quanto pare. Noi credevamo che fosse in città, è invece sull’altra sponda del Kaveri. Scesi dall’autobus, come già accaduto altre volte, ci indicano la direzione senza nemmeno dover chiedere. Il templio si trova subito dietro ad un enorme silo di latta. Molliamo le scarpe in un negozietto e percorriamo il tratto di strada che ci separa dall’ingresso cercando di evitare i rifiuti liquidi e solidi disseminati ovunque. Continua a leggere

Trivandrum, 11.1.2015 – pomeriggio

donne museoAnche il museo Napier, all’interno dello stesso parco, merita una visita per le statue in bronzo delle divinità indiane e per delle marionette in pelle usate nel gioco delle ombre sull’sola di Giava.
Usciti dal museo ci sdraiamo nell’erba e, come già successo a Kochi, alcuni ragazzi si avvicinano chiedendo di potersi fare delle foto con noi. Continua a leggere