Massoud ha fatto delle indagini

Massoud ha fatto delle indagini, nelle ultime settimane. Ha cerato di capire chi poteva avercela con loro, in città. Ha così scoperto che molti genitori italiani si sono fortemente lamentati con la preside del Calini e che qualcuno ha chiesto persino l’espulsione da scuola di tutti gli extracomunitari, in maniera indiscriminata, senza distinguere fra i tanti vaccinati e i pochissimi non. Non gli hanno detto i nomi di questi genitori, però… leggi tutto

Nel suo ufficio in stile antico

Nel suo ufficio in stile antico, il sindaco non sa che pesci pigliare. Alla scuola elementare Calini il 98% dei bambini extracomunitari sono stati vaccinati, resta fuori solo una piccola minoranza, cinque o sei casi in tutto, ma i genitori italiani si comportano come se tutti gli immigrati avessero evitato la profilassi. Non soltanto le mamme e i papà, a dir la verità, anche il direttore dell’istituto, la maggior parte dei professori, persino il corpo non docente.
Non manca giorno che il sindaco non riceva una decine di telefonate inerenti il problema, spesso si radunano cortei sotto le sue finestre, con striscioni del tipo -Vaccinati o Commissariati- oppure all’entrata della scuola qualcuno cerca con i metodi più svariati di impedire l’accesso ai bambini stranieri ed agli adulti che li accompagnano. Si è sfiorata la rissa più di una volta, poi tutto si è risolto per il meglio. Per adesso… leggi tutto

“Beh, credo che sappiate già tutti”

“Beh, credo che sappiate già tutti il motivo per cui vi abbiamo convocato qui questo pomeriggio…”
Il sindaco attacca il discorso con un atteggiamento davvero low profile.
[Se non aveva voglia di parlare, poteva anche starsene a casa] pensa subito l’opposizione, distribuita fra i genitori in sala in maniera conforme alle statistiche nazionali.
“Si è riscontrato un caso positivo al test della tubercolosi, la settimana scorsa… all’Istituto Calini”
“Mi scusi, ma perché non ci dice subito di che bambino si tratta? Staremmo tutti più tranquilli a saperlo, non le pare?”, interviene immediatamente una mamma molto giovane, una delle poche, fra le italiane…
leggi tutto

Benny e la vela

Benny e la vela della John Deer sono giunti ormai alle porte della città. Attraversato il quartiere Sant’Eufemia, in un modo o nell’altro ha raggiunto Piazza Arnaldo, centro degli aperitivi della città, in altre ore. Perché pubblicizzare trattori in pieno centro, si domanda il Benny? No, non se lo domanda, non gli importa un fico. Gli hanno dato alcune zone dalle quali passare e per il resto può scegliere il tragitto che vuole. E nessuno gli ha detto che non deve fermarsi a bere qualcosa, se ha sete. Gli piace bere, gli piacciono i bar e gli piace ascoltare i discorsi della gente e magari fare anche un commento, di tanto in tanto…
leggi tutto