Brescia accoglie chi arriva

Brescia accoglie chi arriva da sud in autostrada con un cavalcavia fatto da tubi colorati, non bello, ma che potrebbe diventare la cifra stilistica della città, se la stessa si lasciasse completamente abbracciare dalle teorie sul colore di Tornquist, il suo più illustre architetto. Tutto ciò che conta è colorato dal celebre artista, in città. Sua è la ciminiera del termovalorizzatore, suoi i pannelli che rivestono il tunnel Tito Speri che taglia in due il centro, o quelli della fabbrica del vapore che si incontra in tangenziale. Persino le colonnine per il pagamento dei parcheggi hanno una colorazione violacea sconosciuta negli altri capoluoghi di provincia…
leggi tutto

L’ambulanza arriva in venti minuti

L’ambulanza arriva in venti minuti e Maicol è ancora a terra privo di sensi. Un medico ed un infermiere, ma potrebbero anche essere due infermieri, scendono da dietro e per prima cosa sentono il polso ed il fiato al giovane. Poi si guardano intorno per capire la dinamica dell’incidente. Le facce che vedono non promettono niente di buono.
“Perché l’avete spostato?”, dice il più anziano dei due.
“Era incastrato nel muletto…”, bofonchia Alcide, a disagio. Poi però si gira a guardare gli altri con un’espressione di rimprovero. Sono stati loro a farla, quella cazzata.
leggi tutto