Kiss Of Love – Il mercato

“Perché gli hai detto che sappiamo dove dormire?”, chiede Franci a due passi dal commissariato.
“Se avessimo ammesso che non abbiamo un posto dove andare ci avrebbe trattenuto lì. Ma sei matta? Meglio dormire sotto un ponte che in una prigione indiana! Hai presente? Già me lo immagino. Ci passiamo una notte e poi non riusciamo più a uscire per ragioni burocratiche. Altro che Kafka! Siamo fuori, è andata bene così. Squagliamocela in fretta a non facciamoci più vedere da queste parti.” Continua a leggere

Annunci

Cumily – Alappuzha, 7.1.2015

Noi siamo un po’ in ritardo, il bus lo è molto perciò riusciamo a farci degli amici alla stazione e poi a piazzarci in prima fila, pronti a goderci il viaggio ed il paesaggio. Non l’avessimo mai fatto! L’autista è un coglionazzo che guida con una mano sola, usa l’altra per tenersi aggrappato al montante del finestrino e “piega” ad ogni curva come se fosse in moto. Continua a leggere

Kochi – Kottayam, 4.1.2015

Viaggio incredibile. Mix di folklore, ospitalità dei paesi poveri, coincidenze fra arrivi e partenze da sistema ferroviario giapponese e paesaggio da libro della giungla. Il primo tratto fra Fort Cochin ed Ernaculum lo facciamo su uno di quei bus affollati senza finestrini che si vedono nelle foto, con tutti che ci chiedono dove vogliamo andare e danno suggerimenti dove effettuare i cambi. Continua a leggere