“Quanto vuoi per tutti e tre?”

“Quanto vuoi per tutti e tre?”
Le prime due avevano detto di no, direttamente, abituate ai puttan-tour senza scopo dei ragazzotti che arrivano, tirano giù il finestrino, fanno qualche domanda, insultano e scappano, sghignazzando impauriti dalle loro stesse voglie. La maggior parte dei frequentatori della zona industriale la notte lo fa per curiosità, voyeurismo, e probabilmente, per la speranza inconscia che qualche volta la paura passi e si riesca a caricarla in macchina, la prostituta.
“Cinquecento euro…” sparò invece questa, così, tanto per dire una cifra impossibile, per vedere la reazione. Maicol infatti buttò lì una bestemmia e fece immediatamente per ripartire.
“Ferma!”, ordinò Carmine perentorio. “Ce li abbiamo i soldi!”, disse indicando Khaled dietro, completamente intontito dai due drink trangugiati al bar.
“Africa ne ha con sé almeno il triplo, te lo garantisco…”
Khaled non fece nemmeno caso a quell’appellativo, ma neppure a quello che i due davanti stavano dicendo. La sua attenzione era completamente assorbita dai fumi dell’alcol e dalla visione di quella ragazza bionda, gambe nude e scollatura abbondante, tacchi alti, belle forme rotonde, sode, chiare. Un sogno, ma disponibile, a portata di mano. Che fosse a pagamento, che fosse stata lì anche il giorno prima e tutti quelli precedenti, altrettanto disponibile, non passava per la testa a Khaled che viveva questo suo presente perdutamente, irrimediabilmente ubriaco. Lei oltretutto lo stava guardando e gli sorrideva, o almeno così sembrava a Khaled, il più contento di tutti su quell’auto.
“Tutti e tre, hai capito? Contemporaneamente, intendo, non uno alla volta. Sei sicura?”, aggiunse senza alcun pudore Carmine.
Lei fece si con la testa, sì che aveva capito, sì che era sicura e ripeté “Cinquecento euro, vero?” come un mantra. Era l’unica cosa che le interessava, in questo momento. Il bisogno di soldi era più forte di qualsiasi altro timore potesse provenire dall’esterno o dall’interno.
“Sali.”, disse Carmine che poi subito si presentò, per nulla in imbarazzo.
“Piacere Marco.” Evidentemente era abituato a quel genere di frequentazioni, con le quali, paradossalmente, usava il suo vero nome.
Maicol salutò e basta, senza presentarsi, troppo sconvolto per dire qualcosa. E adesso dove poteva andare? Non di certo a casa sua, non ci pensava proprio. Va bene con due ragazze conosciute in città, ma con una battona no. Sua madre potrebbe sempre tornare dall’ospedale, per qualsiasi motivo.
Maicol la zona industriale la conosceva bene, lavorava lì, da parecchi anni, oramai. Aveva le chiavi del cancello dell’azienda dove lavorava, la Forex, perché alle volte era il primo ad arrivare, se Alcide era in trasferta. Alle volte aveva scaricato merce la sera tardi, o di notte, persino. La sua unica alternativa era portarli lì, avrebbe poi trovato un posto dove stare. Cosa serviva, in fondo? Tutt’al più un materasso. In azienda non c’era un materasso, ovviamente, ma il materiale isolante era abbastanza morbido, almeno tanto da potersi stendere. E poi chissà che cos’aveva in mente quel matto di Carmine.
“Dove stai andando?”, disse Carmine alla seconda curva “Alla Forex? Stai scherzando? E dove credi che ci possiamo mettere? Nel tuo ufficio?”. Anche lui lo sapeva bene dov’era l’azienda di Maicol, ci passava spesso. Era lui a vendere il termaflon, il materiale altamente tossico, tassativamente vietato, per conto delle ‘ndrine alla Forex. E Maicol era il suo principale referente. Erano loro due a gestire tutto il traffico. Per questo si erano conosciuti e per questo si frequentavano così assiduamente..
“Vedrai che lo troviamo un posto. Il magazzino andrà benissimo!”, si provò a dire Maicol.
“Sei un codardo. Avevi detto che saremmo andati da te…”, sbuffò Carmine e, volendo dimostrare in pieno tutta la sua delusione, alzò il volume della radio.
Virgin Radio avrebbe dovuto dare la carica giusta a quella serata, ma stava trasmettendo come al solito Nobody’s wife di Anouk, un successo anni novanta senza alcun seguito.
Intanto dietro Khaled sedeva incollato alla prostituta che aveva detto di chiamarsi Ambra. La guardava come fosse la prima donna apparsa sul pianeta e stranamente non riusciva a spiccicare una parola. Lei non era abituata a quello sguardo fisso: di solito i clienti guidavano e gli occhi dovevano per forza tenerli sulla strada.
“Non sta bene? Il vostro amico…”, disse Ambra sporgendosi in avanti e infilando la testa tra i sedili anteriori. Questo permise a Khaled di osservarla sotto un’altra angolazione. La sua eccitazione aveva raggiunto il culmine da parecchi minuti, oramai.
“Mi guarda con una faccia strana, siete sicuri che sta bene?”, ripetè, non avendo ricevuto risposta.
“Sì, sì, non preoccuparti. È solo un po’ fuori allenamento. Passa il suo tempo sullo skateboard, sai com’è… è giovane!”, disse Carmine, preoccupato che stavolta fosse Khaled, al posto di Maicol, a rovinargli la festa.
Se questa si preoccupava e voleva scendere, sarebbe saltato tutto. Non ne trovavano un’altra così pazza da starci. Carmine aveva visto una cosa in internet alcuni giorni prima e da allora non era più riuscito a pensare ad altro quando si eccitava. Ma non era una situazione facile da organizzare. Era un posizione hardcore, una cosa decisamente al limite, chissà se quei due sarebbero stati capaci di portarla a termine. Nel filmato, la donna era imbragata, legata mani e piedi, sollevata in alto con delle carrucole, all’altezza del bacino dell’uomo, il culo ovviamente di fuori, a totale disposizione del maschio. Senza difese, senza possibilità di ribellarsi, inerme. Ma lui non sapeva come costruire un macchinario del genere: corde, leve, carrucole, tutta roba fuori dalla sua portata e poi non ce l’aveva mica un posto dove organizzare uno scannatoio.
Se li immaginava, nel salotto di casa, il vecchio e lo storpio tra i piedi a chiedere spiegazioni ed a dare suggerimenti. Così a metà serata gli era venuto in mente che forse quei due inetti potevano prendere una ragazza e sollevarla di peso ed offrirgliela, come una vittima sacrificale per il capo riconosciuto del clan. Quasi un rito di iniziazione. (continua…)
scarica il pdf

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...