Il potere è sempre mafioso, sempre fascista, sempre razzista.

Il potere è sempre mafioso, sempre fascista, sempre razzista.
Sempre mafioso, perché considera le persone come oggetti di cui si può detenere la proprietà e conosce solo un sistema per relazionarsi agli altri, oltre al ricatto e alla coercizione, cioè quello clientelare.
“Ciao Marco, un pacchetto di Camel…”
Maicol è entrato nella tabaccheria del quartiere, un negozietto minuscolo di proprietà di una vecchia signora timorata di dio, ma gestito dal giovane Marco Tommasoni, soggetto difficile espulso da tutte le scuole frequentate.
“Cosa c’è Maicol, qualcosa non va?”, dice Marco che conosce per nome tutti i suoi clienti.
“Guarda là in fondo… stavamo parlando con la Ketty e la Genny… sono arrivati quelli di Bagnolo… ci hanno mandato via… adesso le ragazze parlano con loro…”
“Pota, dove?”
“Là, ai giardini…”
’ndem!”
Brescia, quartiere Mandolossa, zona di urbanizzazione anni sessanta, territorio di mafia. Maicol ha sedici anni, Marco diciannove. Bresciani sin nel midollo. Marco esce dal suo negozio, monta in moto, fa un cenno a Maicol di mettersi dietro e parte impennando un paio di volte. Maicol si sente già un duro.
Sempre fascista, perché non pone la forza al servizio della ragione, ma fa il contrario, dando ragione a chi ha la possibilità di usare la forza.
“Di chi è questo scooter?”, domanda Marco ai ragazzi di Bagnolo.
“Mio, perché…?”, fa uno di loro, il più grande.
Ma Marco non ha aspettato nemmeno la risposta. Ha sferrato un calcio al motorino gettandolo in terra.
“Voialtri vi tenete lontani zio porco dalle nostre fighe, capiti?”
E siccome il messaggio potrebbe essere frainteso, Marco estrae un coltello e squarcia la ruota posteriore dello scooter del ragazzo.
Tutti hanno assistito alla scena immobili: i due ragazzi di Bagnolo prima sorpresi poi atterriti, Ketty e Genny, prima scocciate poi spaventate, Maicol ed il suo amico, ben felici di essere finalmente vendicati.
I due ragazzi di Bagnolo, raccolto il motorino, se ne vanno spingendolo, smadonnando a bassa voce. Le ragazze, come se niente fosse, ricominciano a parlare con Maicol ed il suo amico Stefano. Marco ha ripreso la moto e, sempre impennando, se n’è tornato alla tabaccheria, cinquanta metri più in là. Resterebbe volentieri a chiacchierare con le due ragazze, ma non può lasciare il negozio incustodito per più di un minuto, qualche marocchino potrebbe entrare e rubare qualcosa.
Sempre razzista, perché considera la propria razza superiore alle altre, anche senza la scusa del colore della pelle, della lingua, della religione, della povertà. La razza si riduce spesso alla città, al quartiere, al clan.
“Sono così stupidi quelli di Bagnolo…”, dice Genny che un minuto prima parlava male di Maicol e Stefano, ancora troppo bambini per i suoi gusti.
“Sono di campagna… Noialtri, si vede che siamo di città…”, conferma Ketty che ad una domanda diretta non saprebbe rispondere cosa distingue un ragazzo di Bagnolo da uno della Mandolossa.
“Avete visto come se ne sono andati con la coda tra le gambe…”, si gongola tutto beato Maicol, come se avesse risolto lui la situazione, visto che l’idea di chiedere rinforzi è stata sua. “Non ho nemmeno pagato le sigarette…!”, esclama dopo un secondo, dandosi una plateale manata sulla fronte.
“… le sigarette? Ma tu Maicol non fumi…”
“Ho iniziato oggi… e poi mi serviva una scusa, no…”
“Soltanto gli sfigati non fumano”, conferma Genny, come se la scusa non servisse per chiamare Marco in soccorso, ma per stare con loro due.
“Comunque quello con lo scooter mi piaceva… peccato che Marco li abbia fatti scappare…”, sospira Ketty, incurante dei sentimenti di Maicol, non conoscendoli affatto.
Allora non hai capito niente, avrebbe voglia di urlare Maicol. Tu quelli non li devi vedere, vorrebbe gridargli in faccia, minacciandola con un coltello, come ha fatto pochi minuti prima Marco con quei due.
Ma non ce l’ha il coraggio e, non trovando niente di meglio da dire, se ne esce con una frase stupida.
“Che cos’avrebbe quello più di me? È solo un po’ più alto… ”
scarica il pdf

Annunci

One thought on “Il potere è sempre mafioso, sempre fascista, sempre razzista.

  1. Così cinque anni prima si erano conosciuti Marco e Maicol. Marco non si faceva chiamare ancora Carmine e non aveva ancora conosciuto Scutellaro, Maicol studiava all’istituto tecnico e ancora prometteva a sua madre di iscriversi all’univeristà.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...