A tre settimane

A tre settimane dalla prima lettera minatoria, alla quale ne sono seguite altre tre ed a pochi giorni dall’articolo del Giornale di Brescia in cui si faceva riferimento a questo feroce ricatto, Massoud è ancora convinto che la soffiata che ha portato le informazioni sulla scrivania della giornalista Loredana Lollo non possa che essere arrivata da qualcuna delle madri dei bambini. Non conoscendo a fondo lo strapotere della ‘ndrangheta, a Massoud non può venire in mente un’altra possibilità, e cioè che la notizia provenga dalla stessa ‘ndrangheta e che il destinatario sia Marzio Grandoge che, attraverso questi articoli di giornale, viene messo al corrente dell’avanzamento dei lavori. La ‘ndrina di Scutellaro può permettersi persino questo, di anticipare le proprie mosse per renderle evidenti al committente, sicura che né la polizia né le vittime potranno avvantaggiarsi di queste informazioni. Quello di Scutellaro è infatti al momento il clan più forte in città ed in tutta la provincia di Brescia, con agganci ovunque, dalla Questura al Comune, dalla televisione locale alla Curia e molti di questi ganci hanno già fatto capire a Scutellaro di non essere affatto infastiditi da questa sua nuova iniziativa.
“Un po’ di pepe al culo a questi maledetti negri non gli farebbe male. Almeno smetterebbero di rompere i coglioni con delle richieste assurde!”, deve aver detto qualcuno della giunta, forse proprio l’assessore Cartelli, il giorno dopo la sua visita al centro culturale islamico. La frase è stata riportata a Scutellaro da un suo nipote, Mimmo Marino, segretario particolare o come si diceva un tempo portaborse, dell’assessore. Ed in un certo senso Scutellaro ha provveduto subito ad accontentarlo.
Il clan di Scutellaro coincide, come sempre nella ‘ndrangheta, con la sua famiglia. La sorella Annunziata, il cognato Ignazio Ruccella, gli zii Totò e Domenico Marino, i cugini ed i nipoti, arrivati dalla Calabria uno dopo l’altro negli anni ottanta e poi novanta, formano una associazione a delinquere di stampo mafioso feroce come una cosca siciliana, ma molto più coesa e senza il rischio di covare in seno traditori o possibili futuribili pentiti. Metà della famiglia si occupa dei traffici e delle attività illecite, l’altra reinveste i proventi in attività lecite, sbaragliando la concorrenza da un lato e ripulendo il denaro sporco dall’altro. Una macchina da soldi perfetta. Negli ultimi anni gli introiti sono diventati talmente alti che Scutellaro ha bisogno di un’attività che gli permetta di fatturare milioni di euro all’anno, giustificando così quell’enorme flusso di denaro liquido. Da qui la richiesta a Grandoge di avere un mandato di concessione da parte della DAFF Italia.
Per il resto, Pasquale e Totò Marino si occupano del traffico internazionale di droga, Domenico ha un impero che in pratica detiene il monopolio del movimento terra a Brescia e provincia, i figli di Totò e di Domenico stanno rapidamente impossessandosi di tutti gli spazi dell’Ortomercato e c’è persino un nipote di primo pelo che ha aperto quella casa cinematografica che produce filmini porno, cosa vietata in Italia, in cui lavora come attore anche Folco Delese, il magazziniere della Forex, saltuariamente.
Scutellaro prende sotto braccio tutto ciò che è vietato dalla legge e se lo coccola, se lo accudisce, se lo gestisce. Dalla droga alle armi, dalla prostituzione fino alla produzione di film hard, tutto quello che lo Stato ripudia, lui lo adotta. Come un convento di suore, come un orfanatrofio, Pasquale non manda via niente, accetta tutto, purché sia in grado di portare denaro al suo clan.
In tutto questo menage familiare, Carmine rappresenta un’anomalia. Lui è l’unico che non è unito da legami di sangue al resto della ‘ndrina. Nonostante questo, insieme ad altri tre nipoti della famiglia Marino, si occupa dello spaccio e del racket in città, rifornendo di roba i pesci piccoli che poi la distribuiscono al dettaglio e ricattando negozi e aziende con le continue richieste di soldi in cambio di protezione.
Pur non essendo consanguinei, anche il legame fra Pasquale e Carmine nasce nel sangue, quello di Pasquale, colpito ad una gamba da due proiettili sparati da un’auto fermatasi a pochi metri di distanza dal bar in cui si trovavano, casualmente e senza conoscersi, Pasquale e Carmine.
Era l’inizio del 2001 ed era in atto una guerra fra le due famiglie dominanti in provincia di Brescia, i Marino e i Cannavò, anch’essi arrivati in massa al nord dieci anni prima. A sparare fu probabilmente Primo Cannavò, detto Primino o di questo almeno era convinto Scutellaro due anni dopo, quando lo fece raggiungere da una busta all’antrace in Guatemala, dove si era rifugiato in quel periodo, mentre venivano sterminati o costretti alla fuga tutti i componenti della sua famiglia.
Carmine, che all’epoca dell’agguato a Scutellaro si faceva chiamare ancora Marco, era nient’altro che uno sbandato, un bullo di quartiere, dedito a piccoli furti. Sapeva bene chi era l’uomo che stava prendendo un caffè proprio di fianco a lui e sapeva altrettanto bene che non c’era alcuna speranza che gli dedicasse una qualsiasi attenzione. Per questo, sentiti i due colpi di pistola, prima ancora di verificare di non essere ferito, aveva soccorso il boss a terra, l’aveva trasportato verso l’uscita sul retro dove aveva, per puro caso e anche per vergogna, parcheggiato la sua Panda scassata e l’aveva caricato in macchina, pronto alla fuga.
“Dove l’accompagno?”, aveva chiesto timidamente. “In ospedale…?”
“No… Assolutamente no. Togliamoci alla svelta da qui. Poi ti dico io dove andare…!”
Scutellaro si era fatto accompagnare a casa del suo amante, Ninì, facendo intendere a Marco che quello era il suo medico privato. Il dottore, un chirurgo connivente sempre a disposizione per quel genere di interventi, sarebbe poi arrivato nel giro di pochi minuti, ma difficilmente Marco poteva aver creduto che il transessuale alto un metro e ottanta che aveva aperto la porta e aveva sollevato di peso Pasquale potesse essere davvero un dottore.
Quando Marco, alcune settimane dopo, riuscì a ritrovare Scutellaro ormai perfettamente ristabilito e trovò il coraggio di chiedergli di essere affiliato al clan, Pasquale accettò un po’ per gratitudine, ma anche per paura di poter essere ricattato da quel giovane che unico era a conoscenza del suo segreto.
scarica il pdf

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...