Trichy – Thanjavur, 14.01.2015

Thanjavur paticolareCome promesso ieri sera, Mr. Leo ci accompagna in stazione e ci carica su un autobus che è praticamente ancora in deposito così quando questo arriva agli stalli ed un’enorme folla ci si riversa dentro noi siamo già seduti. È dall’inizio del viaggio che ci riservano un trattamento di favore ed è una sensazione piacevole sentirsi ospiti ben accolti. Purtroppo l’autobus è scassato, l’autista rompe subito lo specchietto retrovisore e, ad uno svincolo, rischia di farci ribaltare: il viaggio nel complesso non è gradevole. Meglio il treno, ma Thanjavur sembra non essere raggiunta dalla ferrovia.
Comunque arrivati in stazione ce la caviamo in fretta, grazie all’aiuto del solito mediatore culturale che parla solo Tamil e arriviamo prima di mezzogiorno nel B&B. Ci accoglie una domestica piuttosto anziana che non parla inglese, ma si fa capire a gesti e ci offre subito un caffè: Franci le vuole già bene!
Il tempio è a due passi. La struttura è imponente: due gopuram permettono l’accesso al tempio centrale ed ad altri tempietti posti ad est ed ad ovest. Questi edifici non sono colorati come al solito ed ai nostri occhi forse rappresenta un plus. Sembra tutto più autentico, meno fiera di paese o parco dei divertimenti. Ci aggancia subito un signore intraprendente offrendoci una visita guidata. Io sarei propenso ad accettare, molti aspetti della cultura e della religione indiana ci sono ancora sconosciuti e potrebbe essere la volta buona. Entrando mi è sembrato di leggere che il tempio chiuderà alle 12.30 e chiedo conferma alla guida. Questo nega, assicurandomi che il tempio è sempre aperto, poi però comincia praticamente a correre per farci vedere l’interno. Non facciamo in tempo: le porte del tempio sono già chiuse. Me la prendo un po’: glie l’avevo anche chiesto se non fosse il caso di aspettare dopo le 4 del pomeriggio. Per me la visita guidata finisce qui e glielo dico. Lui ammette che in effetti, forse, effettivamente e ritorna all’ingresso camminando lentamente. Noi proseguiamo la visita da soli, girando attorno al tempio e guardandolo dall’esterno: una maestosa struttura a tronco di piramide si erge all’estremità di un edificio rettangolare in tufo giallo. Ogni particolare al nostro occhio è nuovo e diverso. Osservata due volte, ciascuna statua, ciascuna colonna rivela un particolare inedito che alla prima occhiata ci era sfuggito.
Ci telefona la padrona di casa che non abbiamo ancora incontrato e ci propone di partecipare nel pomeriggio ad una rappresentazione organizzata per i turisti in occasione del Pongal, la festa del raccolto, che si celebra domani. Accettiamo poco convinti e la raggiungiamo a casa. Noi preferiremmo visitare il Palazzo Reale, nel centro di Thanjavur e la signora Raja, una ragazza rotondetta più giovane di noi con un fratello dagli occhi di un incredibile colore grigio verde, si offre allora di accompagnarci lì e di portarci poi al festival. Arrivati al museo ci fa persino una visita guidata. Questo ci costringe da un lato ad accelerare i nostri ritmi, sempre bradipeschi nei musei, ma ci offre dall’altro l’occasione persa nel tempio di ricevere alcune spiegazioni circa la religione indu. Scopriamo che a Brahma non è dedicato alcun tempio a causa di una maledizione di Shiva, che Ganesh, il simpaticissimo dio-elefante, è figlio di Shiva e che, stando all’epica dei Rama, c’è una divinità scimmia che, dovendo procurare dell’erba medicale da una montagna nel nord dell’India, ma non sapendo riconoscere l’erba, ha portato in palmo di mano all’ammalato l’intera montagna.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...