Trivandrum, 11.1.2015

salviettoniIl mattino ci rivede finalmente entrambi in salute. Come da programma ottimistico (quello pessimistico prevedeva ovviamente letto tutto il giorno), andiamo in stazione a prenotare il treno per domani, il Cholan Express per Chennai delle 3 e 40. Avremmo dovuto fermarci due giorni a Madurai, ma ce li siamo fumati e perciò tireremo dritti fino a Tiruchirapalli, Trichi per gli amici. In stazione ormai sappiamo come muoverci, anzi diamo pure informazioni ad altri turisti meno preparati. Quanto a prenotare il taxi, è un’altra cosa. All’ufficio dei tuk-tuk prepagati è successo qualcosa o stanno facendo un trasferimento valori perché c’è molta confusione attorno a due persone in uniforme e nessuno ci dà retta. Proviamo a spiegare la nostra esigenza, come al solito si radunano in quattro a confabulare, ma insistono per accompagnarci adesso in albergo. Noi invece vogliamo che qualcuno ci venga a prendere stanotte per portarci in stazione. Non se ne esce. Ce ne andiamo spazientiti verso il piazzale dei taxi. Lì viceversa troviamo al volo quello che forse è il capo e quello che forse se la cava con l’inglese. Sta di fatto che in poco tempo riusciamo a spiegare che ci serve un taxi che ci venga a prendere a casa alle 3 del mattino. Non conosce il centro ayurvedico dove stiamo e non sa dov’è la via segnata sul bigliettino che gli lasciamo, ma accetta. Ci scambiamo nomi e numeri di telefono. Il capo si chiama Morgen (mattino in tedesco) e nome non poteva essere più adatto. Speriamo bene.
Da lì ripartiamo per vedere finalmente Trivandrum. Subito vicino alla stazione, un tempio indu attira la nostra attenzione per la coda di persone all’ingresso. Si sta officiando un rito: i fedeli acquistano uno o più cocchi, li passano sulla testa facendo dei cerchi e poi li scagliano fracassandoli in una vasca di pietra. Un officiante prende dei pezzi di cocco, li taglia ulteriormente e li restituisce ai fedeli. Una specie di comunione, ma quel gesto forte di scagliare la noce di cocco mi sembra abbia in più una componente liberatoria, come se scagliando il male per romperlo, il fedele trovasse all’interno qualcosa di buono. Ma questa è solo una mia personalissima interpretazione. Il tempio per il resto è molto bello. Circondato come sempre da statue colorate, dal nostro punto di osservazione è facile osservare la copertura dorata della casa della divinità ed il rivestimento di piastrelle delle altre pareti interne. Le pareti sono bianche con disegni rossi, uno diverso dall’altro. Da questa distanza riesco a distinguere solo una svastica che in India è un simbolo positivo, solare. Ci allontaniamo per raggiungere il tempio principale Padmanabha Temple, il simbolo di Trivandrum, l’immagine rappresentata in tutte le guide. Purtroppo il caldo, l’impossibilità di accedere per i non indu e due guardie armate di mitra all’ingresso (utili più a ricordare che a prevenire la possibilità di attentati da parte di terroristi pakistani) non ce lo fanno apprezzare fino in fondo. Osserviamo da lontano il tronco di piramide bianca ricoperto di statue che da qui non si riescono a vedere ma danno comunque una trama interessante a quelle enormi pareti e scattiamo una foto, rovinata o impreziosita da quattro panzuti fedeli a torso nudo, con un asciugamano bianco attorno ai fianchi che si fanno un selfie prima di entrare dalla porta sud del tempio.
Ripartiamo. Destinazione: zoo! Lì scopriamo anche una galleria d’arte che ci presenta le opere di Ravi Raja Varma, pittore indiano di fine Ottocento e delle ottime riproduzioni dei dipinti murali presenti in alcuni templi del Kerala. È probabilmente l’unica occasione per vederli, visto che nella maggior parte di questi templi non potremo entrare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...